Bruno Berra

Dopo essersi formato nel Minerva, una squadretta del panorama minore meneghino, viene inserito nel vivaio rossonero, ove comincia a farsi notare. Nell’estate del 1936, viene spedito a Vigevano, in modo da farlo confrontare con una realtà tecnica discretamente complicata, in un torneo di serie C che gli consente farsi una discreta esperienza. Sui campetti della provincia, il suo impeto si … Continua a leggere

Sconti e convenzioni per tutti

Lo sappiamo tutti, ma a volte bisogna tornare sul concetto: siamo in piena crisi. Una crisi devastante, che sta erodendo in maniera drammatica il potere di acquisto delle famiglie e riducendo, giorno dopo giorno, i consumi delle stesse. Nell’era della precarietà assurta a paradigma di una società che non sembra accorgersi dei guasti prodotti dalla mancanza di sicurezza, il ridursi … Continua a leggere

ESSERE Tigre

Nei giorni scorsi, è stato dato ampio risalto alle iniziative della Roma riguardanti i social network più famosi, anche per il consenso entusiastico creatosi intorno ad esse. E in effetti, la cosa più convincente nella strategia societaria della nuova Roma targata a stelle e strisce è proprio la grande attenzione riservata al versante comunicativo. Il risalto in questione, deriva soprattutto … Continua a leggere

Mario David

Dopo essersi formato nella Pro Cervignano, parte in direzione di Livorno e coi labronci fa il suo esordio, giovanissimo, in serie B. I tre anni in Toscana, lo segnalano subito come giovane estremamente promettente e il Vicenza decide di puntare su di lui. E proprio coi lanieri, cresce ulteriormente, sino a  segnalarsi come uno dei centrocampisti emergenti del nostro calcio. … Continua a leggere

Albert Gudmunsson

Scopre il pallone grazie ad uno zio, il quale di ritorno da uno dei tanti viaggi compiuti in qualità di marinaio, si presenta alla porta della casa della nonna, dove vive con undici fratelli, dopo la morte del padre, con un involucro che assomiglia vagamente alla sfera rotonda. Lui, si innamora pazzamente di questo attrezzo e comincia ad addestrarsi per … Continua a leggere

Juan Alberto Schiaffino

Nel 1950, insieme ad Alcides Ghiggia, trascina l’Uruguay ad un incredibile trionfo mondiale in casa del favoritissimo Brasile, gettando un intero paese nel lutto. Interno dotato di grande tecnica e magnifica visione di gioco, è il classico regista attorno al quale ruota tutta la squadra. Gioca tutti i palloni e li smista ai compagni scegliendo sempre la soluzione migliore. E … Continua a leggere

Gianni Toppan

Ci sono giocatori, che pur senza avere grandissime doti tecniche, riescono a fare una carriera di rilievo. E’ il caso di Gianni Toppan, che riesce a ritagliarsi un buono spazio nel Milan degli anni a cavallo della guerra. La mansione in cui eccelle, è quella del ripiego di lusso: quando c’è da turare una falla apertasi all’improvviso, si può essere … Continua a leggere

Paolo Todeschini

Comincia a giocare nelle minori del Milan e, dopo aver fatto tutta la trafila, fa il suo esordio coi rossoneri in serie A, dimostrando ben presto di avere doti necessarie a durare anche ai livelli più alti. E’ il tipico mediano metodista, capace di applicarsi sulla sua ala e di appoggiare la’zione degli avanti, quando serve. Inoltre è molto intelligente … Continua a leggere

Mario Zorzan

Inizia la sua carriera nel Vicenza, ove fa tanta gavetta prima di riuscire a trovare un posto in prima squadra. Del resto, il Vicenza è la squadra della città in cui è nato e nella quale ha fatto tutta la canonica trafila delle minori, per cui accetta di buon grado di sacrificarsi per la causa. Sono anni nei quali, ancora … Continua a leggere

Gunnar Nordhal

A volte, basta un caso per trasformare il destino di un giocatore o di una squadra. E’ proprio quello che avviene nel caso di Gunnar Nordhal e del Milan. La società rossonera, infatti acquisisce il suo cartellino grazie ad un vero colpo di fortuna: i rossoneri, hanno individuato in Palmer il loro obiettivo per l’attacco, ma vengono preceduti dalla Juventus … Continua a leggere