Albert Gudmunsson

Albert GudmunssonScopre il pallone grazie ad uno zio, il quale di ritorno da uno dei tanti viaggi compiuti in qualità di marinaio, si presenta alla porta della casa della nonna, dove vive con undici fratelli, dopo la morte del padre, con un involucro che assomiglia vagamente alla sfera rotonda. Lui, si innamora pazzamente di questo attrezzo e comincia ad addestrarsi per poterlo addomesticare al meglio, ricavandone ben presto una certa abilità tecnica. Comincia a giocare in un oratorio e presto si sparge la sua fama di piccolo fenomeno, tanto da essere preso nel Valur, la maggior squadra isolana. Il suo nome, comincia a circolare anche fuori dalle mura domestiche, tanto da indurre i Rangers Glasgow a dargli una possibilità. E le sue prove continuano a diffonderne la fama. Nell’estate del 1946, l’Arsenal mostra l’intenzione di metterlo sotto contratto, ma ciò non è possibile in quanto gli manca il permesso di soggiorno. Veste lo stesso la maglia dei Gunners, ma con lo status di dilettante. Di conseguenza, viene impiegato soprattutto in amichevoli, mentre in campionato ha la possibilità di farsi vedere solo in due occasioni. Contrae però amicizia con Paddy Sloan, il quale, una volta preso dal Milan, fa il suo nome ai dirigenti rossoneri. Lui, che nel frattempo è passato al Nancy, arriva così a Milano, ma la sua esperienza italiana, non è molto fortunata. La tecnica sicuramente non gli manca, ma scarseggia di quella malizia necessaria al fine di poter sopportare l’urto con le rocciose difese del Belpaese, le quali non si fanno pregare per lasciargli un ricordino. Nel corso di una gara, infatti, incappa in un terribile incidente al ginocchio, che sembra la fine prematura della sua carriera. Il Milan, di fronte ad una operazione che costa molto senza dare garanzie di riuscita, lo molla, ma lui decide di riscattare la lista ad un prezzo simbolico e si sottopone all’intervento. Che, nonostante le incognite della vigilia, riesce alla perfezione, per cui, alla fine dell’anno può riprendere la via della Francia, al Racing Paris. Dove si afferma, negli anni a venire come ottimo giocatore.

Albert Gudmunssonultima modifica: 2011-11-09T16:27:21+01:00da monthy10
Reposta per primo quest’articolo