Roberto Antonelli

Antonelli.jpgAttaccante molto tecnico, costruisce la prima parte della sua carriera sulla direttrice Milano-Monza. Coi brianzoli, infatti, si fa le ossa, dimostrando doti tecniche non comuni prima di entrare in pianta stabile in un Milan che sta perdendo colpi dopo i fasti dell’era caratterizzata da Rocco e Rivera e che, di lì a poco si ritroverà invischiato nel primo scandalo del calcio scommesse, pagando amaramente le conseguenze delle sciocchezze combinate da Giusy Farina, con la prima caduta in serie B. Antonelli, con il suo fisico non proprio da corazziere, è il tipico attaccante capace di svariare molto lungo il fronte offensivo e di giostrare a supporto della costruzione del gioco. Per poi andarlo a concretizzare al meglio, grazie alle ottime doti balistiche. Gioca ben sette anni a Milano, contribuendo largamente al ritorno nella massima serie, per poi essere ceduto al Genoa, ove conferma le sue credenziali, dando una valida mano ad una squadra che naviga ormai costantemente nei fondali della classifica. In una realtà tecnica di non eccelso livello, uno come lui non può che farsi notare e dopo un biennio sotto la Lanterna, quando sembra ormai destinato a vivacchiare, arriva la chiamata della Roma, ove Dino Viola sta rinnovando la squadra dopo la dipartita di Liedholm, proprio verso Milano. Ai giallorossi serve un attaccante di riserva, in grado di entrare a partita avviata e di prendere il posto dei titolari senza provocare eccessivi scompensi nello scacchiere tattico e Antonelli sembra fare al caso di Eriksson. Purtroppo, non ha proprio il tempo di ricambiare l’investimento, poichè durante una partita di Coppa UEFA a Bucarest, contro la Steaua, si rompe il tendine di Achille. Fa appena in tempo a rientrare per segnare una rete alla Lazio, nel derby di ritorno, per poi prendere la via di Monza, tornando al primo amore

Roberto Antonelliultima modifica: 2012-08-06T02:05:02+02:00da monthy10
Reposta per primo quest’articolo